Abbiamo creato "Une Nuit Nomade" per risvegliare con estrema eleganza il desiderio di viaggiare da un continente all"altro, alla scoperta di destinazioni romantiche e sorprendenti.




"Une Nuit Nomade" è un invito ad un viaggio immobile: un nomadismo olfattivo grazie al quale ogni parte del corpo rappresenta una nuova frontiera propizia alla scoperta di un nuovo profumo, di un"emozione.

L"arte del viaggio consiste nell"immaginare nuovi territori, andare verso l"ignoto, lasciare la propria terra natale per ritornarvi arricchiti da un"esperienza inestimabile.

Diventare nomade olfattivo significa: navigare in un nuovo mondo stravolgendo le proprie abitudini, cambiare fragranza come si cambia paese, esplorare l"alchimia dell"indomito e giocare con questa materia invisibile.

Significa adottare una filosofia di vita, un pizzico di curiosità, un desiderio d"incarnarsi in altro modo diventando floreale, orientale, cipriato, boisé (legnoso)… avventuriero o romantico.

"Une Nuit à Bali' è la prima tappa di questa Notte Nomade.

Un tuffo nella meravigliosa Indonesia dove, al momento del tramonto, il gelsomino ed il Ylang-Ylang emanano un profumo intenso; le giornate trascorrono sotto i sandali maestosi, che ci invitano languidamente a sognare ad occhi aperti; il primo bagliore di luce sprigiona la forza organica del vetiver di Java, mentre la delicatezza dei cestini per le offerte si esprime in complessi accordi di spezie, frangipane e riso.

Il taccuino è pieno di tocchi aromatici, una linea rossa circonda una collezione unica composta da quattro fragranze:"Fleur des Fleurs", "Suma Oriental", "Mr.Vetiver" & "Murmure des Dieux".

Il nostro insaziabile amore per il viaggio ci ha guidati verso un altro continente per portare alla vita una nuova collezione: "Une Nuit à Montauk'.

Stati Uniti, Costa Est, vicino alla Big Apple. Percorrete la strada per poche ore e scoprite un mare agitato all"orizzonte, passeggiate lungo la penisola di Long Iland ed arrivate al punto chiamato The Hamptons. This is The End.

Immaginate un faro di duecento anni, che conta ancora duecento gradini, dominando la Peaconic Bay e l"Oceano Atlantico. E" un punto di riferimento, il custode di tempeste e temporali di ieri e domani. Illumina l"impossibile, là dove anche le stelle sembrano essere fuori posto.

Montauk, una favola da raccontare: una penisola naturale con le sue tradizionali case in riva al mare, con muri rivestiti in legno bianco e terrazze esposte al vento, un osservatorio ideale per ammirare la “danza” dei pescatori.

Nel 1972, Andy Warhol rimase affascinato da Montauk, fu l"inizio di vent"anni d"eccitazione artistica, incontri casuali e giorni felici. Un frammento del passato nel quale si incontrano e si scontrano Peter Beard, Lee Radziwill, Jackie O., Jagger et les Stones, Truman Capote, Catherine Deneuve, John Lennon, Paul Morrissey, Mohammed Ali, Halston, Elia Kazan… o più recentemente la poesia per amore di Michel Gondry nel "Eternal Sunshine of spotless mind" (Se mi lasci ti cancello).

Oggi, Montauk emoziona artisti, surfisti, navigatori, gypsetter tanto quanto gli amanti dell"aria fresca. Lo straordinario in tutta la sua semplicità.

Il profumo "Une Nuit à Montauk" riproduce la nostalgia un po" folle, la natura selvaggia, intatta e chic della Costa Est.

Le nostre due prime creazioni, di un futuro quartetto, si chiamano: "Rose America" e "Memory Motel"